Scusate l’interruzione

25 marzo 2011

Si lo so. Sono accadute molte cose di cui si poteva discutere in queste ultime settimane: catastrofi naturali che diventano nucleari, missioni di pace che diventano guerre, bunga bunga che diventano nomine di ministri mafiosi, ce n’è  stato veramente per tutti.

Io invece ho taciuto, certamente perché è meglio tacere che sparare bischerate (come questa) ma soprattutto perchè distratto da cose veramente importanti, non da quelle sciucchezuole di cui vi occupate tutti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma non temete, son quasi alla fine. Tra poco potrete tornare ad avere il dubbio piacere di leggermi, e la mia diletta compagna il sano piacere di vedermi di nuovo lavare i piatti.

Annunci

Ma tantè se un gatto vuole uscire saranno fatti suoi.

17 febbraio 2011

Lo rilinko subito.


La rivincita dei blog

14 febbraio 2011

E’ tornato pure lui, ed è in formissima.


Tecnologia al lavoro

23 gennaio 2011

Domani mi portano il nuovo giocattolo


Una media incompetenza

17 gennaio 2011

Ad inizio Dicembre vado dal meccanico insieme al mio scaldabagn… ehm… scooter perchè ho notato un nuovo rumorino che mi preoccupa un po’. Più che un rumorino è una vibrazione, come se ad ogni giro di ruota passassi su un minuscolo scalino, quasi un ticchettio che avverto sui piedi sulle pedane a bassa velocità perchè ad alta velocità la vibrazione si perde nella generale vibrazione e rumore di ferraglia tipico di tutti i lavandin… ehm… scooter.

Il meccanico senza guardare il sanitar… ehm.. lo scooter sentenzia: “è la pastiglia del freno finita” ed io facendo un rapido calcolo dei chilometri dall’ultimo cambio penso che si è possibile che lo sia, se lo dice lui che è esperto…

Pago esco riparto… qualche chilometro e mi accorgo che il freno funziona bene ma raschia (sarà la pasticca nuova) ma il ticchettio a bassa velocità c’è ancora.

Passa qualche giorno e appena possibile riporto il lavell… ehm… lo scooter dal meccanologo: “Guarda che non è cambiato nulla”. Mecc: “sarà il mozzo da ingrassare, ti metto un goccio di svitol se lo senti diminuire per qualche ora è quello, me lo riporti e lo ingrasso”. Dico ok e vado. Girello un po’ per andare a lavoro ma non sento il rumore diminuire manco per il cavolo.

Intanto su Firenze si scatena un Blizzard di tipo canadese che paralizza l’intera città per quasi una settimana, dopodichè si scatenano le festività natalizie che paralizzano l’intero mondo occidentale per oltre dieci giorni e si arriva ai primi di Gennaio.

Un po’ nervoso riporto di nuovo la vasca da bagn… ehm… lo scooter dal meccanologo:

“Meccanologo! Te sei tanto bravo e simpatio ma a me mi fa questa hosa qui che t’ho già spiegato eunnismettemia! Ovvia! Visto che ci siamo te lo rispiego”, e rispiegai.

Dopo qualche ora riprendo il bide… ehm… scooter con l’annuncio: “t’ho un po’ grattato le pasticche (raschiavano ricordate?) perchè dev’essere il disco del freno che è consumato”. Io scettico annuisco e me ne vado.

Inutile dirvi che tutto è esattamente come oltre un mese prima.

Stamattina ritorno li, gli rispiego tutto, gli metto le chiavi in mano e gli dico: “Provalo!”. Lui parte, percorre, torna dopo cinque minuti e con l’aria un po’ scocciata mi dice: “è la carrozzeria che sferraglia un po’ c’è da stringere un po’ di dai qua e la quando vuoi si fa, l’ho anche lanciato forte.”

Quale parte di “si sente a bassa velocità” non ho pronunciato in italiano?

Obbietto un po’ che il rumore di ferragli alo conosco bene e non è quello il problema, ripeto cose già dette, mi lascio convincere di essere un visionario e riparto. Faccio 500 metri per arrivare al supermercato e risento tutto sotto le mie suole chiaro e tondo. NO! Stavolta glielo lascio e finche non ha risolto se la vede lui.

Ritorno ben deciso (e lui se ne accorge che sto perdendo la pazienza) gli rispiego tutto, lui mette il lavandin… ehm… lo scooter (mi ripeto ma ho finito i sanitari) sul ponte e lo guarda disperato e mi dice: “non so che fare”.

Io: “Guarda sento questa cosa a periodo fisso quindi è un problema di un organo rotante, a me sembra la ruota davanti, te l’ho detto esattamente 45 giorni fa e te lo ridico adesso.

Lui mi ricambia le pasticche dei freni, controlla anche la rotazione della ruota posteriore; niente. Ad un certo punto ha l’illuminazione e dice testualmente: “ma non sarà mi(c)a…”. Gira la ruota davanti a mano guardandola, cosa che avrebbe dovuto fare 45 giorni prima e fa: “guarda un po’?”.

Sul copertone c’è un taglio di 5 cm orizzontale che forma un minuscolo gradino di gomma su cui salivo ad ogni rotazione della ruota.

Ma mi domando e dico: se uno ti porta un mezzo e ti dice che c’è qualcosa alla gomma non è meglio guardare subito la gomma e scoprire cosa c’è invece che navigare a vista per un mese e mezzo? Io ho pagato in tutta l’operazione un cambio pasticche di due che mi ha fatto, mentre lui ha perso almeno quattro ore totali per un lavoro che richiedeva in tutto al massimo venti minuti.

Perchè non cambio meccanico? Questo è considerato uno dei migliori meccanici per scooter della città e vi assicuro che lo è. Negli ultimi quattro anni ne ho girati tantissimi alla ricerca di qualcuno che desse un minimo di affidabilità e questo signore mediamente incompetente è di molte lunghezze il migliore del gruppo. Alla fine, dopo lunghe pregrinazioni comunque finisce per sbattere nel problema ed è in grado di risolverlo, non pretende di essere pagato per i suoi errori ed è sempre disponibile praticamente h24. Gli altri che ho incontrato qua in giro non avevano nessuna di queste caratteristiche. Quindi se siete meccanici e volete avere successo vi basta essere mediamente incompetenti; uhm… meccanici? Perchè sospetto che non sia un problema esclusivo di questa categoria?


Ti farò una domanda facile

8 gennaio 2011

Una cliente mi ferma appena uscito dal negozio (che NON è un negozio di computer, informatica o servizio in alcun modo correlato) e mi fa una semplice domandina, banale, in tono colloquiale e rilassato:

“Inve, te che sei bravo con i computer mi diresti come faccio a togliere la pubblicità da internet?”


Smoke free

23 dicembre 2010

Una anno fa sono diventato adepto di sua santità Allen Carr.

Grazie Allen